Mobile Payment & Commerce alla conquista del mondo

Si è tenuto lo scorso giovedì l’atteso convegno di presentazione della ricerca annuale del Politecnico di Milano sul Mobile Payment & Commerce ovvero tutto ciò che ruota attorno all’acquisto di prodotti e servizi (esclusi i contenuti digitali) attraverso il telefono cellulare. Sono compresi sia gli acquisti in modalità Remote (a distanza) sia il pagamento in modalità Proximity (in prossimità).

Nel titolo sono già enunciate le peculiarità emerse dallo studio ovvero il grande fermento di iniziative a livello globale, il brulicare di attori in campo di svariata natura (banche, operatori di telefonia mobile, produttori di smartphone, startup, ecc.) e la trasversalità dell’offerta che travalica i confini delle singole nazioni.

E’ lampante che la posta in gioco non è da ricercarsi solo nel ricavo diretto dato dalle transazioni ma anche nel patrimonio di dati disponibili sui comportamenti di acquisto dei consumatori.

Largo è l’interesse per i pagamenti in negozio quantitativamente più significativi rispetto all’ecommerce che continua comunque la sua crescita.

Nel 2015 i pagamenti digitali con carta in Italia hanno raggiunto i 175 miliardi di euro. Nel 2016 sono cresciuti del 9%, raggiungendo i 190 miliardi di euro, pari al 24% dei consumi delle famiglie italiane. Ancora una volta, questa crescita é ampiamente riconducibile ai New Digital Payment – le modalità più innovative di pagamento digitale (eCommerce, ePayment, Mobile Payment & Commerce, Contactless Payment, Mobile POS) – che complessivamente superano i 30 miliardi di euro (+46% rispetto al 2015) e valgono ormai il 16% del totale dei pagamenti digitali con carta (nel 2015 erano il 12%).

Lo studio avanza la considerazione che nel 2016 i New Digital Payment hanno dimostrato di essere il motore in grado di avvicinare gli italiani ai pagamenti elettronici in sostituzione del contante ed è stato inoltre l’anno di affermazione dei pagamenti contactless, che superano i 7 miliardi di euro e i 140 milioni di transazioni (5% delle transazioni con carta).

Il nostro Paese, seppur ancora distante dalle tendenze e dalle sperimentazioni estere, sembra non stare a guardare e si registra interesse da parte degli esercenti ad offrire pagamenti con il cellulare e una clientela maggiormente recettiva alle proposte.

La nostra esperienza e la nostra visione sulle tendenze e le opportunità come ormai consuetudine sono state messe a disposizione dell’Osservatorio nella definizione del report.

Scopri la nostra offerta di digital commerce.

Add your comment