Trasporto valori, il rischio del mestiere

Trasporto valori, il rischio del mestiere

Pensarle tutte per evitare i malintenzionati. Non trascurare niente per offrire un servizio efficace, nella massima sicurezza.
Non è facile l’impegno di Valentina Castagnini, responsabile del settore trasporto valori e vigilanza all’interno di Ebs.
Un lavoro che è fatto di movimentazione di denaro e vigilanza sulle filiali e che, proprio per questo, è costantemente sotto rischio: “In termini numerici – dice Valentina – si tratta di oltre mille trasporti al giorno, per un lavoro che richiede di essere svolto in tempo reale, senza la possibilità di rinviare niente al giorno successivo”.
La vita di questo servizio, in Ebs, si muove tra filiali, caveau, Banca d’Italia e grandi clienti, In questa “macchina” quasi perfetta, il fornitore unico – prosegue Valentina Castagnini – ha contatti con gli istituti, mentre Ebs cura direttamente i rapporti con i clienti.
“Siamo cresciuti molto – prosegue Valentina – ed il lavoro è davvero vario ed in continua evoluzione. Non c’è modo di annoiarsi e dopo l’avvento di Bassilichi sono convinta che le cose vadano sempre meglio, oltre che dal punto di vista della considerazione umana, anche da quello della crescita del servizio.
Oltre al lavoro burocratico ed organizzativo (come ordini, mandati, rendicontazioni ed altro) deve poi essere considerato anche il fattore rischio. Il lavoro deve essere organizzato dal punto di vista della sicurezza e della limitazione dei rischi.
In fondo, quello che si trasporta è denaro. Ma ormai Valentina e le persone che collaborano con lei sembrano aver messo da parte una certa esperienza e professionalità.
Una capacità di lavoro in grado anche di “prevenire” ed evitare – laddove possibile – eventuali situazioni imbarazzanti.

Add your comment